LA CITTA'
freccia_menu Dati sulla città
freccia_menu Come raggiungere Lucera
freccia_menu Lucera, chiave di Puglia
freccia_menu Centro Informazione Turistica
freccia_menu Chiosco Multimediale - Info Point
freccia_menu Attività economiche
freccia_menu Numeri utili per il turista
freccia_menu Mappa
freccia_menu Piano del Traffico
DA VISITARE
freccia_menu Fortezza Svevo Angioina
freccia_menu Anfiteatro Romano
freccia_menu Museo Civico "G. Fiorelli"
freccia_menu Basilica Cattedrale
freccia_menu Chiesa - Santuario di San Francesco
freccia_menu Vita di San Francesco Antonio Fasani
freccia_menu Museo Diocesano
freccia_menu Teatro Civico "G. Garibaldi"
freccia_menu Biblioteca Comunale "R. Bonghi"
freccia_menu Villa Comunale
freccia_menu Magna Capitana
ITINERARI
freccia_menu Itinerario Storico-Culturale
freccia_menu Itinerario nella Tradizione popolare
freccia_menu Itinerario Gentilizio
freccia_menu Breve itinerario tra i Monti Dauni
RICETTIVITA'
freccia_menu Dove dormire
freccia_menu Dove mangiare
 
LA BASILICA CATTEDRALE

Come raggiungere la Cattedrale: La Cattedrale si trova in pieno centro storico, nella splendida Piazza Duomo, il “salotto di pietra” della Città. Nei pressi della Cattedrale vi sono numerosi parcheggi auto, liberi ed a pagamento, utilizzabili negli orari consentiti; è consigliabile però, data la bellezza del centro storico lucerino, lasciare l’auto e godersi a piedi l’atmosfera di altri tempi offerta dalla Città.

Orari

Orario estivo:
dalle 08.00 alle 12.00; dalle 17.00 alle 20.00.

Orario invernale:
dalle 08.00 alle 12.00; dalle 16.00 alle 19.00.
La domenica è aperta fino alle 13.00, ma durante le S. Messe non è permessa ai gruppi di turisti la visita alla Basilica.

Descrizione:
Sconfitti i Saraceni nel 1300, Carlo II d’Angiò fece costruire la Cattedrale, probabilmente sui resti di una moschea saracena.
Da sempre attribuita all’architetto Pierre d’Angicourt, fu costruita ad opera di maestranze pugliesi e francesi alle dipendenze dei Maestri muratori Nicola Di Bartolomeo e Gualtiero da Foggia.
Dedicata a Santa Maria dell’Assunta, patrona della Città, in suo onore, la “Luceria Saracenorum” fu chiamata “Civitas Sanctae Mariae”.
Fu dichiarata Basilica Minore nel 1834 e Monumento Nazionale nel 1874.
Il prospetto asimmetrico, con tre portali, è delimitato da un torrioncino e da una torre campanaria quadrata, con monofore e bifore, che regge una lanterna ottagonale.
Il portale centrale è corredato da due colonne in marmo verde con capitelli; nella lunetta sovrastante è inserita un’edicola mariana. Nella parte superiore del portale, a metà del 1600, venne posta una statua di San Michele, con due angeli ai lati; sul portale fa mostra di sé lo stemma angioino.
La pianta è a croce latina; le tre navate sono divise da due file di colonne schiacciate di travertino, mentre le absidi e il transetto hanno gli archi scanditi da colonne di marmo caristio.
All’ingresso della navata di sinistra, l’attenzione del visitatore cade sull’artistico battistero del 1400 e sul ciborio finemente lavorato. Il Battistero, in pietra alluvionale, con basamento in ocra rossa, è chiuso da una cupola ottagonale retta da quattro colonne. Lungo la navata destra è collocato il pulpito, costruito con un sarcofago cinquecentesco appartenente alla famiglia Scassa.
Ai lati del transetto si ammirano i meravigliosi altari settecenteschi in marmi policromi di San Rocco a destra e di Santa Maria a sinistra. Accanto all’altare di San Rocco vi è quello della famiglia Caropresa, abbellito da una pala seicentesca dell’artista napoletano Fabrizio Santafede, raffigurante l’Assunta. A sinistra dell’altare di San Rocco, all’interno di un armadio del primo ‘900, vi è una statua di legno raffigurante San Raffaele. Nell’abside di destra, la Cappella Gallucci racchiude la statua di un personaggio dormiente; vi è inoltre un monumento sepolcrale risalente al 1300 raffigurante un cavaliere angioino, indicato come Carlo II d’Angiò o come Pipino da Barletta.
La famiglia Gallucci, nel XVII sec. fece affrescare la cappella con un ciclo di dipinti dedicati al martirio degli Apostoli, attribuiti da molti studiosi a Belisario Corenzio. Notevole è l’affresco del XV secolo raffigurante il Volto Santo; molto venerato è il Crocefisso ligneo di scuola renana, probabilmente del 1400.
L’abside centrale è ricca di affreschi realizzati a cavallo tra il XVI e XVII secolo: a sinistra di chi osserva vi è La Dormizione della Vergine, a destra L’Assunzione; la volta, divisa in sei costoloni, ospita l’affresco della Incoronazione. Sono inseriti sulla volta del presbiterio anche quattro medaglioni, dipinti per onorare la memoria dei quattro santi vescovi lucerini: Basso, Marco, Pardo e Agostino. In alto, al centro del coro, sulla bifora centrale vi è lo stemma in pietra del Vescovo Fabrizio Suardo (1619-1637).
In questo splendido scenario, al centro dell’abside, si trova l’altare maggiore, la mensa di Federico II proveniente da Castelfiorentino, a pochi chilometri da Lucera, dove lo svevo morì il 13 dicembre 1250.





La mensa è formata da una singola lastra ed è sorretta da sei colonnine con capitelli di raffinata fattura. Il coro ligneo sostituì il precedente coro in pietra e fu realizzato nel 1799 da Nicodemo De Simone. Nell’abside sinistra, la Cappella semiottagonale della Famiglia Gagliardi, detta anche Cappella del Sacro Cuore, contiene anch’essa notevoli affreschi di autore ignoto che raffigurano episodi dell’infanzia di Gesù. All’interno della cappella sono conservate, in un’urna d’argento, le reliquie del Beato Agostino Kazotic, croato, domenicano, Vescovo della città dal 1322 al 1323, il quale ebbe il merito non solo di riappacificare la città islamizzata, ma anche quello di convertire i restanti infedeli che non si erano convertiti al Cristianesimo.
il lato sinistro del transetto è dedicato all’altare di Santa Maria, notevole esempio dell’arte barocca di fine ‘700, realizzato con marmi pregiati: nella nicchia sovrastante si trova la statua lignea di Santa Maria Patrona, molto venerata dai lucerini. La statua risale al 1300 e raffigura la Vergine, vestita con un manto ad arabeschi, che regge con il braccio sinistro il Bambino in piedi e, nella mano destra, porta le chiavi della città.
Nello stesso lato del transetto si trova l’altare della Famiglia Giannini, anch’esso in stile barocco, che nella parte superiore racchiude una pala secentesca, d'autore ignoto, raffigurante Sant’Anna, Gioacchino e la Sacra Famiglia. Accanto all’altare vi sono altre due preziose pale, San Francesco e la Crocifissione. A destra di chi guarda, sotto una lapide ornata di uno stemma, si trova il sepolcro della famiglia Mozzagrugno.
 
Orari di Apertura al pubblico:
gg.feriali mattina 06.45-12.00pomeriggio16.30-20.00
gg. festivi mattina : 06.45 -13.00 pomeriggio: 16.30-20.00
Monuments open to the public:
Weekdays: 6:45am-12am 4:30pm-8pm
Holidays: 6:45am-l pm 4:30pm-8pm
Tourist information office:
Piazza Nocelli, 6 Phone: +39 0881 522762
www.comune.lucera.fg.it
turismo@comune.fg.it
Öffnungszeiten für die öffentlichkeit:
Wochentage: am. Morgen von 6:45 bis 12:00 Uhr' am
Nachmittag 16:30 bis 20:00
Ferien: am Morgen von 6:45 bis 13:30 Uhr, am Nachmittag von
16:30 bis 20:00
Info: Tourist Information Centre
Platz nocelli, 6
Telefon Tel 0881-522762
RINGRAZIAMO L'ISTITUTO
VITTORIO EMANUELE PER LA TRADUZIONE, IL MOVIMENTO TURISTICO Iucerino, IL MOVIMENTO POPOLARE lucerino, IL MOVIMENTO APOLITICO lucerino LUCERA E SEI TU.


TESTI A CURA DELL’UFFICIO PROMOZIONE TURISTICA E DEL CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA DEL COMUNE DI LUCERA - FOTO MICHELE FOLLIERO
EVENTI
freccia_menu Carnevale per le strade
freccia_menu Calici di Stelle
freccia_menu Festa Patronale
freccia_menu Corteo Storico
freccia_menu Festival della Letteratura Mediterranea
freccia_menu Stagione Teatrale
freccia_menu Stagioni Concertistiche
freccia_menu Mercato Settimanale
freccia_menu Mercatino dell'Antiquariato
freccia_menu Fiere
freccia_menu Spazio Camper
freccia_menu Sagre
freccia_menu Festività Religiose
ENOGASTRONOMIA
freccia_menu Enogastronomia in città
freccia_menu Artigianato - Souvenirs
freccia_menu Cantine - Enoteche
freccia_menu Caseifici
freccia_menu Pastifici
TRADIZIONI
freccia_menu La Vendemmia
freccia_menu La Mietitura
freccia_menu La Salsa
freccia_menu Il Carnevale
freccia_menu La Quarantana
freccia_menu Il Ferragosto lucerino
freccia_menu La Festa dei Morti
freccia_menu Tradizioni Natalizie
freccia_menu Proverbi
SPORT
freccia_menu Palazzetto comunale
freccia_menu Stadio comunale
freccia_menu Itinerario pedestre
freccia_menu Itinerario per maratoneti

Comune di Lucera - Corso Garibaldi - tel: 0881.541111 - C.F.: 82000950715 - P.IVA: 00392580718
|
Copyright 2008-2013 Comune di Lucera. Diritti Riservati.
Rss Valid | W3C CSS | Spam Poison