LA CITTA'
freccia_menu Dati sulla città
freccia_menu Come raggiungere Lucera
freccia_menu Lucera, chiave di Puglia
freccia_menu Centro Informazione Turistica
freccia_menu Chiosco Multimediale - Info Point
freccia_menu Attività economiche
freccia_menu Numeri utili per il turista
freccia_menu Mappa
freccia_menu Piano del Traffico
DA VISITARE
freccia_menu Fortezza Svevo Angioina
freccia_menu Anfiteatro Romano
freccia_menu Museo Civico "G. Fiorelli"
freccia_menu Basilica Cattedrale
freccia_menu Chiesa - Santuario di San Francesco
freccia_menu Vita di San Francesco Antonio Fasani
freccia_menu Museo Diocesano
freccia_menu Teatro Civico "G. Garibaldi"
freccia_menu Biblioteca Comunale "R. Bonghi"
freccia_menu Villa Comunale
freccia_menu Magna Capitana
ITINERARI
freccia_menu Itinerario Storico-Culturale
freccia_menu Itinerario nella Tradizione popolare
freccia_menu Itinerario Gentilizio
freccia_menu Breve itinerario tra i Monti Dauni
RICETTIVITA'
freccia_menu Dove dormire
freccia_menu Dove mangiare
 
LA FORTEZZA SVEVO-ANGIOINA

Come raggiungere la Fortezza svevo-angioina:
L’ingresso della Fortezza è ubicato in Piazza Padre Angelo Cuomo, ampio piazzale che si apre sulla cinta muraria della Fortezza e su Porta Lucera, principale ingresso del sito archeologico.
Secondo le ultime disposizioni sul traffico, le auto possono raggiungere la Fortezza attraverso Via Mazzini per poi tornare in centro tramite Viale Castello.
I pullman invece non hanno accesso diretto alla Fortezza, ma devono parcheggiare – se possibile- nei pressi della Villa Comunale, in Via Fiume o, in alternativa, possono sostare brevemente in Via Fiume per permettere la discesa dei passeggeri e dirigersi poi al parcheggio di Piazzale Ferrovia (per maggiori e più precise informazioni, contattare direttamente il Comando Vigili Urbani, tel. 0881.540009).




Una volta scesi dal pullman, i visitatori proseguono a piedi lungo Viale Castello, strada panoramica che parte proprio dalla Villa Comunale (il viale inizia a sinistra guardando il grande parco cittadino; punto di riferimento è la statua di Augusto, posta proprio all'ingresso della strada panoramica).
L’accesso pedonale alla Fortezza avviene tramite un ponte in legno e in ferro, inaugurato nel 2000, che si snoda sull’ampio fossato tra la Torre della Leonessa e la Torre del Leone.

All’interno della Fortezza é attivo il Servizio Accoglienza Turistica Comunale: il servizio di visita guidata gratuita del sito archeologico è attualmente attivo in presenza delle guide turistiche comunali.

Comunicato Stampa | 04/04/2016
ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DELLA FORTEZZA SVEVO-ANGIOINA, DELL’ANFITEATRO ROMANO E DEL CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA - PERIODO DAL 01/04/2016 AL 31/10/2016


CLICCA QUI PER CONSULTARE LE TARIFFE PER L’ACCESSO DEI VISITATORI AI SITI ARCHEOLOGICI:
ANFITEATRO ROMANO E FORTEZZA SVEVO-ANGIOINA ED AL MUSEO CIVICO “G. FIORELLI”


Orari di Apertura al pubblico:
DAL MARTEDI' ALLA DOMENICA:
MATTINA 09:00 - 13:00
POMERIGGIO: 15:30 - 19:30
CHIUSURA: LUNEDI'

Monuments open to the public:
7rom Tuesday to Sunday 9.00am-1:00pm - 3.30pm-7.30pm
Tourist information office:
Piazza Nocelli, 6 Phone: +39 0881 522762
www.comune.lucera.fg.it
turismo@comune.lucera.fg.it

Öffnungszeiten für die öffentlichkeit:
Von Dienstag bis Sonntag, am Morgen von 9:00 bis 13:00 Uhr.
15:30 bis 19:30 Uhr.
Info: Tourist Information Centre
Platz nocelli, 6
Telefon Tel 0881-522762

RINGRAZIAMO L'ISTITUTO
VITTORIO EMANUELE PER LA TRADUZIONE, IL MOVIMENTO TURISTICO Iucerino, IL MOVIMENTO POPOLARE lucerino, IL MOVIMENTO APOLITICO lucerino LUCERA E SEI TU.


Per informazioni e prenotazioni: CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA COMUNALE (C.I.T.), Piazza Nocelli, 6 – 71036 LUCERA, dotato di NUMERO VERDE 800-767606 (telefono e fax).

Descrizione: Sul colle più alto di Lucera, dove sorgeva l’acropoli romana, si estende la Fortezza Svevo-angioina, baluardo verso i monti del Subappennino dauno e osservatorio militare sull’intera distesa del Tavoliere delle Puglie.
Esempio di fusione tra arte e fortificazione, la Fortezza è una vera miniera archeologica; è un sito antichissimo, nel quale sono visibili tracce di epoche diverse: capanne neolitiche, ruderi del periodo romano e di quello svevo, condotti idrici, resti di una Chiesa ad una navata con sacrestia attigua, dedicata a San Francesco d’Assisi.
Durante il periodo svevo Federico II trasferisce a Lucera, tra il 1223 e il 1233, consistenti nuclei della popolazione saracena dalla Sicilia e costruisce il Palatium imperiale.
A seguito della sconfitta degli Svevi ad opera di Carlo I d’Angiò (1268), gli Angioini costruiscono una cinta muraria, lunga 900 metri, in cui viene inglobato il sontuoso Palazzo federiciano, creando così una Fortezza, una vera e propria “cittadella militare” autonoma. La cinta è rinforzata da 22 torri e resa inaccessibile da un profondo e largo fossato, che la separa dal paese e alle cui estremità si ergono la Torre della Leonessa e la Torre del Leone.
Alla Fortezza si accede da Porta Lucera attraverso un ponte di legno e ferro costruito nel 2000 in occasione dell’anno giubilare.

IL PALATIUM FEDERICIANO: Federico II diede inizio alla costruzione del Palatium intorno al 1233 sul Monte Albano di Lucera.
Esso rappresentava un importante avamposto del “sistema castellare svevo” posto a tutela del Tavoliere, un’area militarmente ed economicamente importante per la produzione cerealicola e vitivinicola, nonché di grande interesse venatorio (area di caccia).
Del Palatium federiciano si conserva, oggi solo lo zoccolo di base che corrisponde al vano magazzino, il muro a scarpa con le 9 feritoie per lato, corrispondente alla “galleria dei tiratori”, una semivolta a crociera, il piano del cortile con il bacino centrale che accoglieva la vasca di una fontana.
Le quattro ali abitative, che costituivano il corpo centrale del complesso, si elevavano su tre livelli. Quello inferiore, che dava sul cortile interno, era disposto alla stessa quota della galleria degli arcieri.

Gli altri due piani emergevano dal cammino di ronda. La pianta del terrazzo, per un sapiente gioco di archi ogivali, realizzati nei quattro angoli del cortile all’altezza dell’ultimo piano, si trasformava, all’interno, in ottagono, anticipando così lo schema di Castel del Monte.
Il Palatium federiciano esplicava, per la sua configurazione formale e strutturale, una duplice funzione: all’esterno, quella di un vero e proprio castello, minaccioso ed inaccessibile; all’interno, quella di una fantastica e lussuosa dimora imperiale.
Qui l’imperatore svevo, immerso nel verde dei boschi e dei pascoli dauni, veniva a ritrovare pace e serenità e a comporre versi poetici.

TESTI A CURA DELL’UFFICIO PROMOZIONE TURISTICA E DEL CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA DEL COMUNE DI LUCERA - FOTO MICHELE FOLLIERO
EVENTI
freccia_menu Carnevale per le strade
freccia_menu Calici di Stelle
freccia_menu Festa Patronale
freccia_menu Corteo Storico
freccia_menu Festival della Letteratura Mediterranea
freccia_menu Stagione Teatrale
freccia_menu Stagioni Concertistiche
freccia_menu Mercato Settimanale
freccia_menu Mercatino dell'Antiquariato
freccia_menu Fiere
freccia_menu Spazio Camper
freccia_menu Sagre
freccia_menu Festività Religiose
ENOGASTRONOMIA
freccia_menu Enogastronomia in città
freccia_menu Artigianato - Souvenirs
freccia_menu Cantine - Enoteche
freccia_menu Caseifici
freccia_menu Pastifici
TRADIZIONI
freccia_menu La Vendemmia
freccia_menu La Mietitura
freccia_menu La Salsa
freccia_menu Il Carnevale
freccia_menu La Quarantana
freccia_menu Il Ferragosto lucerino
freccia_menu La Festa dei Morti
freccia_menu Tradizioni Natalizie
freccia_menu Proverbi
SPORT
freccia_menu Palazzetto comunale
freccia_menu Stadio comunale
freccia_menu Itinerario pedestre
freccia_menu Itinerario per maratoneti

Comune di Lucera - Corso Garibaldi - tel: 0881.541111 - C.F.: 82000950715 - P.IVA: 00392580718
|
Copyright 2008-2013 Comune di Lucera. Diritti Riservati.
Rss Valid | W3C CSS | Spam Poison