E-GOVERNMENT
freccia_menu Servizi al Cittadino
freccia_menu Servizi Alle Imprese
freccia_menu Extranet
freccia_menu WebMail
freccia_menu Risultati Elettorali
freccia_menu Customer Satisfaction
FISCALITA' LOCALE
freccia_menu Struttura e Uffici
freccia_menu I.U.C.
freccia_menu I.M.U. | New
freccia_menu TASI | New
freccia_menu T.A.R.I.
freccia_menu I.C.I.
freccia_menu T.A.R.S.U.
freccia_menu C.O.S.A.P.
freccia_menu Pubblicità e Affissioni
freccia_menu Addizionale I.R.P.E.F.
freccia_menu Links Utili
LL.PP./OO.PP.
freccia_menu Uffici
URBANISTICA
freccia_menu Ufficio Urbanistica
freccia_menu Modulistica
SUAP
freccia_menu Suap
SERVIZI DEMOGRAFICI
freccia_menu Uffici
freccia_menu Modulistica
POLITICHE SOCIALI
freccia_menu Uffici
freccia_menu Piano di Zona
 
TARI
La TARI sostituisce dal 1° gennaio 2014 la tassa rifiuti (TARSU) ed è una componente dell'imposta unica comunale (IUC) collegata all'erogazione ed alla fruizione di servizi comunali. Il tributo è dovuto da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali e aree scoperte.
La disciplina della TARI, contenuta nella legge 27 dicembre 2013, n. 147 "Legge di Stabilità per l'anno 2014", è stata integrata con il Regolamento Comunale.

Il nuovo tributo mira a promuovere la riduzione dei rifiuti e ad incrementare la raccolta differenziata, mediante un sistema che tende a commisurare il prelievo al grado di fruizione del servizio da parte dei cittadini, secondo il principio comunitario in materia ambientale "chi inquina paga".
La tariffa è calcolata in base alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte, sulla base dei criteri determinati dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.
Le quantità di rifiuti prodotti comprendono sia i rifiuti urbani, sia i rifiuti speciali assimilati ai rifiuti urbani. La tariffa è determinata sulla base dei criteri stabiliti dal decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158 ed è composta da una quota fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in particolare agli investimenti per opere e ai relativi ammortamenti, e da una quota variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, alle modalità del servizio fornito e all'entità dei costi di gestione, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio, compresi i costi di smaltimento.
La tariffa è articolata nelle fasce di utenza domestica e di utenza non domestica.
L'insieme dei costi da coprire attraverso la tariffa è ripartito tra le utenze domestiche e non domestiche in base ai criteri stabiliti dal decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.

COME SI COMPONE
La tariffa TARI è la somma di due quote:
• una quota fissa, determinata applicando alla superficie dell'abitazione e dei locali che ne costituiscono pertinenza le tariffe per unità di superficie parametrate al numero degli occupanti, secondo le previsioni di cui al punto 4.1, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158;
• una quota variabile, determinata in relazione al numero degli occupanti, secondo le previsioni di cui al punto 4.2, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.

COME SI DETERMINA
Per le utenze domestiche, la determinazione della tariffa si fonda sui coefficienti Ka (per la parte fissa) e Kb (per la parte variabile), i cui valori dipendono dalla dimensione del Comune e dalla sua collocazione geografica (Nord, Centro e Sud).
Per il calcolo della tariffa delle utenze domestiche il numero dei componenti rappresenta un parametro essenziale al fine di valutare l'effettiva quantità del rifiuto prodotto.
Per le utenze non domestiche, la tariffa dipende dai coefficienti di produzione potenziale Kc (per la parte fissa) e da intervalli di produzione Kd (per la parte variabile).
La legge istitutiva della TARI dispone che ai contribuenti venga applicato, così come avveniva per il precedente tributo TARSU, il tributo provinciale per l'esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene dell'ambiente, fissato dalla Provincia di Foggia nella misura del 4%. Con la TARI non è invece più dovuta l’addizionale comunale ex ECA del 10%. Dal 2014 non è più dovuta la maggiorazione di 0,30 euro a metro quadro da versare allo Stato. La TARI non è soggetta ad IVA.

COME SI VERSA
Il Comune riscuote la Tari dovuta in base alle dichiarazioni presentate dai contribuenti (o agli accertamenti d’imposta divenuti definitivi) inviando, anche per posta semplice, avvisi di pagamento che specificano per ogni utenza le somme dovute per tassa e tributo provinciale. Il pagamento deve essere effettuato mediante i modelli F24 allegati agli avvisi di pagamento, senza applicazione di commissioni.

 
 
 
 
 
Regolamento TARI 2014
Regolamento TARI 2015
Regolamento TARI 2016  
Tariffe TARI 2014  
Tariffe TARI 2015  
Tariffe TARI 2016  
 
 
COMUNICAZIONE
freccia_menu Servizio Trasporto Urbano
SICUREZZA
freccia_menu Polizia Municipale
freccia_menu Protezione Civile
freccia_menu La Biblioteca
freccia_menu Politiche del lavoro provincia di Foggia
freccia_menu Formazione provincia di Foggia
freccia_menu BURP
freccia_menu Gazzetta Ufficiale
freccia_menu Leggi Regionali
freccia_menu WWF
freccia_menu Il Tavoliere
freccia_menu Provincia di Foggia
freccia_menu Telefono Azzurro
PROGETTI
freccia_menu Piano Rifiuti
freccia_menu Agenda del Turismo
freccia_menu Piano Traffico
freccia_menu Piano Urbanistico Generale
freccia_menu Servizio Civile

Comune di Lucera - Corso Garibaldi - tel: 0881.541111 - C.F.: 82000950715 - P.IVA: 00392580718
|
Copyright 2008-2013 Comune di Lucera. Diritti Riservati.
Rss Valid | W3C CSS | Spam Poison